Volevo mettere questo scritto nella sezione "Chiedetelo a nonno k", ma poi, vista la mole, ho pensato che sta meglio qui. Se qualcuno dovesse trovarlo interessante bene :)

Ho letto studi statistici sul punteggio per arrivare a 3SA con mani bilanciate. Ovviamente sono fatti a doppio morto e quindi il dichiarante e i difensori giocano la migliore carta. Ciò inficia un po’ i risultati, ma alcune considerazioni sono comunque interessanti.

1) Oltre alla possibile esistenza di buone carte intermedie, 10, 9 etc. o al punteggio fatto di teste (A/K), o ad un buon palo 5° etc. , è importante anche come sono distribuiti i punti. 25 punti divisi 15-10 lavorano meglio che 25 punti divisi 21-4, perché ci sono più rientri fra le due mani etc. Con un’apertura di 1SA (15/17) conviene andare a sempre a manche con 10 punti, infatti l’invito (Stayman etc) si fa con 8/9 mentre con 10 si va a manche. L’apertore, sull’invito, con 17 va a manche e con 15 invece declina. Con 16 deve “valutare” la mano, tenendo presente che con 24 punti (il minimo dell’invito, il p ha 8 punti) la probabilità di fare 3SA è del 39% mentre con 25 punti (il p ne ha 9) sale al 59%, una bella differenza !

Poi subentrano altre considerazioni, se si gioca a MP o a IMP, la situazione di zona, ed il fatto generale che di solito si fanno più errori in difesa e conviene “spingere” un po’ la dichiarazione. Da notare che più punti ha l’apertore, a parità di punti della linea (cioè ne ha meno il rispondente), appunto per lo “sbilanciamento” della situazione, e più punti occorreranno per raggiungere il 3SA.

Così, se si hanno 18/19 punti (rever a SA), la probabilità di arrivare a 3SA con 24 punti linea scende rispettivamente al 36% e 34%, mentre prima con 15-16-17 era rispettivamente del 40%-39%-37%. Ne consegue che sul rever a SA, per stare sicuri, bisogna parlare con almeno 7 punti (25 di linea minimi)

Dopo apertura 2SA (20/21), con 25 punti linea si arriva a 3SA nel 51% o 47% a seconda se l’apertore era partito con 20 o 21 punti. Quindi il rispondente dovrebbe parlare con almeno 5 punti.

Dopo apertura 2Q multicolor seguito dal 2SA (22/23), i 25 punti linea diventano pochini, perché si arriva a 3SA nel 42% se l’apertore ne ha 22, e nel 38% se ne ha 23. Quindi bisogna salire a 26 punti linea per stare sul sicuro, e quindi parlare con almeno 4 punti.

2) Più passa il tempo e più si abbassa la soglia ! Una volta dicevano 26 punti per il 3SA, adesso siamo arrivati a 25 e anche a 24 ! Oddio, 24 magari se lo possono permettere Lauria/Versace. Comunque uno studio statistico mostra che con con 24 punti linea la media di prese è 8.65 ma il guadagno è 1MP per board ! Quindi , alla lunga, converrebbe dichiarare 3SA anche con 24 punti !

3) Su apertura 1SA mi ricordo che dicevi che con palo 5° nobile e mano bianca, conviene fare la transfer e poi passare, piuttosto che passare su 1SA. Lo stesso anche dopo apertura di 2SA ! Se il p ha 0 punti e una quinta nobile, conviene giocare a 3N piuttosto che passare ! Passando sul 2SA si perdono, in media, 2.16 prese, mentre giocando 3 nobile si perdono in media 1.42 prese.

4) Considerazioni sul 3SA o 4 nel nobile con punteggio da manche e la 4333 E’ ormai assodato che se il partner ha una 4333 con nobile quarto, non deve fare la Stayman con 8/9 punti, ma un invito generico (secondo i sistemi), o con 10 punti bilanciati andare direttamente a 3SA. Ma considerazioni simili si possono fare anche per l’apertore !

a) Se l’apertore ha una 4333 e il partner una 4432 con fit 44 si fa 4N nel 84% e 3SA 87%

b) Se l’apertore ha una 4333 e il partner una 5332 con fit 53 si fa 4N nel 61% e 3SA 75%

c) Se l’apertore ha una 4432 e il partner una 4432 con fit 44 si fa 4N 89% e 3SA 82%,

d) Se l’apertore ha una 5332 e il partner una 5332 con fit 53 si fa 4N 82% e 3SA 75%

Notate il punto b, se ne deduce che con la 4333, se il p fa una transfer nel nobile e poi dice 2SA o 3SA, conviene andare a 3SA pur avendo il fit 53 nel nobile !

In generale, quindi, se non c’è almeno un doubleton per parte, conviene andare a 3SA !

Ho trovato uno schema che usano Lauria/Versace, una modifica della Stayman, con cui riescono non solo a dirsi se c'è la 4333, min/max, ma a dirsi praticamente tutto ! Magari lo pubblico la prossima volta...

5) Ci sarebbe una “regoletta” (io adoro le regole), detta del 29. Da 29 punti linea in su, e mani bilanciate, le prese tendono ad equivalersi, cioè non ci sarà una presa supplementare giocando a colore. Tanto vale dire subito 3SA anche avendo N4° ! Quindi dopo apertura 1SA, con 14/15 punti dire 3SA, con 16/17 invece c’è il 4SA quantitativo. Considerazioni simili dopo apertura 2SA etc.

Un riassuntino di quello che ho letto :

1) Più le due mani sono sbilanciate e più punti linea occorrono per il 3SA

2) 25 punti… e c’è chi si spinge a 24 ! Però se andate sotto è perché non giocate come Carlo :)

3) Non lasciate l’apertore annaspare su 1SA o 2SA : se avete anche 0 punti ma un nobile 5° fate la transfer.

4) Con la 4333 in risposta evitate la Stayman e come apertore preferite il 3SA a 4N con fit 53

5) Con punteggi elevati, da 29 in su (e prima dello slam), conviene giocare a SA anche se c’è il fit nel nobile.

Visualizzazioni: 233

Commento

Devi essere membro di Amici del Bridge online per aggiungere commenti!

Partecipa a Amici del Bridge online

Commento da carlo totaro su 1 Marzo 2016 a 12:52

caro Andrea, ai miei allievi insegno come prima cosa la valutazione della mano che durante la licita può cambiare, ovvero rivalutarsi se c'è fit o svalutarsi se non c'è fit; poi insegno a contare i punti k quando c'è fit che dicono quante prese posso realizzare. Quando non c'è fit e si gioca a SA bisogna tener conto che i punti onori sono 40 e il rapporto prese/punti onori mi dice che ci vogliono 3 punti per ogni presa, pertanto con 24 senza fit sulla linea si fanno 8 prese .

tornei AMICIDELBRIDGEONLINE

Fotografie

  • Aggiungi fotografie
  • Visualizza tutti

Info su

Rosalba ha creato questo network Ning.

© 2020   Creato da Rosalba.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio