Alla fine degli Anni Settanta, due trentenni malvestiti entrarono un pomeriggio nel leggendario negozio di Herbert Johnson, che allora si trovava al 13 di Old Burlington Street, a Londra. Il commesso li accolse con la consueta cortesia.

Quello dei due che portava il berretto da baseball fece le presentazioni: «Mi chiamo Steven Spielberg e questo è il signor Harrison Ford: vorremmo vedere qualche cappello». Nessuno dei presenti immaginava che stava per nascere il più famoso copricapo della storia del cinema dopo la bombetta di Charlie Chaplin: quello di Indiana Jones.

Spielberg spiegò che stavano per girare un film di avventura e che cercavano qualcosa che caratterizzasse il personaggio principale, perché, come diceva sempre John Ford all’ombra del suo Stetson, un uomo si riconosce dal cappello che porta. Il regista chiese quale fosse il modello più vecchio in produzione e dopo una breve ricerca si scoprì che c’era un «Fedora» del 1890 ancora in catalogo, perché la sua forma era davvero senza età. Era chiamato «Il poeta», un appellativo molto lontano dalle impolverate avventure che lo aspettavano alla ricerca dell’Arca dell’alleanza nel deserto egiziano. Da quasi un secolo, Herbert Johnson produceva il cappello in una tonalità di marrone denominata «Sable», adatta un po’ a tutte le circostanze e a tutti i terreni, e si capì subito che se c’era un cappello che Indiana avrebbe comperato prima di partire era proprio quello, ma con qualche piccola modifica.

Mentre i due inconsueti clienti aspettavano nel negozio, gli artigiani si misero al lavoro per abbassare la tesa davanti e dietro, in modo da dare al cappello un’aria più da «esploratore o da safari». Anche l’altezza del nastro venne ridotta (da 50 a 39 millimetri) per fare sembrare la calotta più alta e solo quando Harrison Ford se lo mise finalmente in testa Spielberg capì che era davvero nato Indiana Jones. Herbert Johnson realizzò 45 esemplari del cappello solo per il primo film, tutti messi a dura prova da Ford e dalle controfigure nelle movimentate sequenze del film.

Ogni eroe, della mitologia o del cinema, ha una protesi magica che lo aiuta nelle sue avventure. Giove aveva i fulmini, James Bond i micidiali gadget di Mr. Q, Indiana Jones la frusta che può fare qualunque cosa (annientare un malvagio o fare avvicinare dolcemente la bella di turno) e il cappello, diventato l’identità stessa del personaggio, l’indumento di cui non si priva mai e che ci fa capire che sta arrivando, anche se soltanto vediamo la sua ombra su una roccia.

Un dubbio mi assale: per gli amici di BBO, chi può essere il cappello e chi la frusta, tra Rosalba e Nonno K? Si accettano indicazioni

Visualizzazioni: 271

Commento

Devi essere membro di Amici del Bridge online per aggiungere commenti!

Partecipa a Amici del Bridge online

Commento da luisa zafferri su 30 Aprile 2014 a 0:40
Non saprei próprio, per istinto...direi lá frusta lá darei in mano a Rosalba....tenera, dolce, ma sempre Capa....
Commento da carlo totaro su 29 Aprile 2014 a 18:09

molto simpatico questo dubbio ed io una idea ce l'ho per risolverlo, se non altro per assonanza: tra frusta e cappello nonno Kappa è certamente il KAPPello.

Commento da maria gabriella maccioni su 29 Aprile 2014 a 17:15

Tanto di cappello e frusta ad entrambi, a Te amico dubbioso chiedo perchè dover scegliere o indicare qualcuno?

Commento da JOLANA MONTELEONI su 29 Aprile 2014 a 14:53

Nonno k è il cappello e Ros la frusta ahahahahahaha comunqueentrambi necessari a noiiiiiiiiiiiiiiiii grazie Ros e Carlo:):)

tornei AMICIDELBRIDGEONLINE

Fotografie

  • Aggiungi fotografie
  • Visualizza tutti

Info su

Rosalba ha creato questo network Ning.

© 2020   Creato da Rosalba.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio